Ultimi argomenti
» Ciao a tutti
Mer Gen 09, 2013 6:59 pm Da raffaele43

» NUOVA SEZIONE AGGIUNTA
Lun Ott 29, 2012 9:41 pm Da Bot

» Curriculum
Ven Ott 26, 2012 2:58 pm Da raffaele43

» Mitologia Egizia
Gio Ott 25, 2012 5:26 pm Da raffaele43

» Mitologia Greca
Gio Ott 25, 2012 5:05 pm Da raffaele43

» Clementino & Fabri Fibra - La luce
Gio Ott 25, 2012 4:51 pm Da raffaele43

» Linkin Park - Castle Of Glass
Gio Ott 25, 2012 4:37 pm Da lucamister

» Presentazione lucamister
Gio Ott 25, 2012 2:59 pm Da raffaele43

» Che ne pensate del forum?
Mer Ott 24, 2012 6:22 pm Da lucamister


[RECENSIONE] BULLY CANIS CANEM EDIT

Andare in basso

[RECENSIONE] BULLY CANIS CANEM EDIT

Messaggio Da raffaele43 il Ven Set 09, 2011 11:05 am



In questi anni la Rockstar Games ha fatto molto parlare di sé grazie ai suoi innovativi e originali videogame, spesso bistrattati e criticati in tutto il globo. Ennesimo titolo della famiglia è “Canis Canem Edit”, al secolo “Bully”: criticatissimo per il tema che tratta (il bullismo nelle scuole) è un titolo tecnicamente molto valido, sebbene non raggiunga i vari GTA con cui Rockstar ci ha deliziato in questi anni.

Jimmy Hopkins: “Il Bullo, il Brutto e il Cattivo”

E' lui il protagonista indiscusso del gioco! Jimmy Hopkins, un quindicenne fuori dagli schemi parcheggiato dalla madre alla Bullworth Academy, uno degli istituti più malfamati che ci siano, in cui alloggiano un ventaglio di personaggi molto ampio e tipicamente yankee.
Il “gruppo” è composto da sportivi, ragazze pon-pon, insegnanti e via dicendo, come se si trattasse di un normale istituto. Questa scuola però apparirà agli occhi di Jimmy tutt'altro che “normale”; infatti, fin dal primo giorno, il protagonista si accorge del tipo di scuola in cui è finito e decide di adeguarsi all'ambiente che lo circonda: diventa un teppista, un bullo incallito dal cuore d'oro, mai domo. Jimmy non si fa mettere i piedi in testa da nessuno ma è sempre disposto ad aiutare chi è in difficoltà, ricorrendo spesso a metodi poco ortodossi e, magari, un po' violenti. Comunque nulla di sconvolgente o che non abbiamo già visto.

Free Roaming a volontà!

Molto del tempo di gioco potremo dedicarlo alla gestione della giornata virtuale ed alla esplorazione degli ambienti, inizialmente limitata alla sola scuola ma, successivamente più ampia, con una intera città da esplorare con numerose missioni da completare. A scuola il discorso è differente: sarà possibile frequentare le lezioni per imparare, permettendo a Jimmy di acquisire nuove conoscenze e di sviluppate nuove, vandaliche abilità; oppure si potranno marinare per dedicarsi all'esplorazione e allo svolgimento delle missioni secondarie.
Se sceglieremo la seconda opzione la nostra attenzione dovrà necessariamente essere focalizzata sui sorveglianti, particolarmente attenti e ostici. Le missioni sono numerose, alcune irresistibili, che ci permetteranno di sviluppare le abilità del protagonista e di portare a termine la storia. Interessante l'interazione con ogni personaggio che incontreremo nel corso del gioco, caratterizzata da reazioni influenzate dalla personalità di ogni individuo ed, ovviamente, dall'approccio che decideremo avere. L'obbiettivo finale del gioco è infatti quello di integrare in modo equilibrato (pur trattandosi, per un gioco del genere, di un termine quantomeno curioso) il nostro protagonista nella scuola, terrorizzando i teppisti e i bulli ma al contempo aiutando i più deboli.

La tecnica

Sicuramente la Rockstar si aspettava un successo maggiore per questo titolo, costato diversi milioni di dollari e ben tre anni di sviluppo, tuttavia si tratta di un videogame molto ben realizzato, un po' sulla falsariga dei vari Grand Theft Auto, ma molto originale.
La vastità e l'ottimo livello di dettaglio, degli ambienti, l'interazione con i personaggi e i temi trattati con un pizzico di ironia mista ad uno spirito un po' goliardico, rendono “Bully” un gioco godibile e divertente, molto diverso da come è stato descritto dalla critica. Essenzialmente le lacune di questo titolo sono un paio: il framerate, un pò bassino e quindi non immune a qualche sporadico scatto e, soprattutto, la longevità. Rockstar infatti ha realizzato un titolo di pregevole fattura che tuttavia appare un pò “corto”, con un tempo complessivo per il completamento delle missioni compreso tra le 10 e le 20 ore. Ovviamente nel resto del tempo ci potremo dedicare all'esplorazione e al compimento di diversi atti vandalici.

In conclusione

Insomma la Rockstar ha realizzato un ottimo gioco: non ci troviamo davanti ad un capolavoro al pari dei vari GTA ma è stato comunque troppo spesso sottovalutato a causa delle numerose critiche. Godibile, divertente e ben realizzato... Bully è un gioco dedicato agli appassionati del genere ed al free roaming... nulla di più.
avatar
raffaele43
Founder
Founder

Messaggi : 276
Punti : 4850

Visualizza il profilo http://reaxfull.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum